HELLO WORLD!!

Ok, cominciamo.

Il titolo non è dei più originali, ho semplicemente ripreso quello del post di prova che ti mandano in automatico (a proposito,non ho nemmeno letto cosa diceva, sarà grave?), ma mi sembrava carino per iniziare questa nuova avventura.

Un blog. Ebbene sì, fino a poco tempo fa non lo avrei mai creduto possibile, eppure ho aperto un blog. Ho voluto vincere la naturale diffidenza verso questo tipo di comunicazione e soprattutto verso la mia pigrizia che mi spinge naturalmente a posticipare tutto a data da destinarsi, per poi farlo cadere prima nel dimenticatoio e poi nel “rimpiangitoio”, o a farmi iniziare le cose per poi lasciarle irrimediabilmente a metà (vedi libri da leggere, cd ascoltati solo in parte, e innumerevoli diari segreti di cui è stata scritta solo la prima pagina).Capite che per una  persona così, aprire un blog è davvero un’avventura. E poi non  mi sembrava di avere cose così importanti da scrivere, o, al contrario pensavo che quello che mi succedeva fosse fin troppo importante per essere buttato su un foglio di carta. Eppure da qualche tempo l’impulso di scrivere e scrivere e scrivere è talmente forte che non ho voluto metterlo a tacere come al solito. E quindi eccomi qua.

Perchè chiamarlo “trentamenouno”? Per una serie di ottimi motivi. Il primo: il titolo mi è venuto in mente all’improvviso, mentre camminavo nella sala stampa del posto dove lavoro –  nel ruolo di ….non si è ancora capito – mentre da giorni cercavo di pensare ad un nome avvincente: mi è suonato subito bene, e non ci ho più pensato, e poi quando un’idea viene così, al volo, gratuita, non c’è che da ringraziare e realizzarla. Il secondo: il blog è stato creato il giorno 29 – anche se ora che sto scrivendo è appena scattata la mezzanotte, quindi è già il 30 e il secondo motivo perde efficacia, per la serie “cominciamo bene” – e perciò “trentamenouno” è riferito anche in parte alla data di nascita. Il terzo: da circa 3 minuti è il mio 29 compleanno. Diciamolo chiaramente: è un’eta  assurda, perchè di fatto sei già nella trentina, ma hai ancora l’ilusione di essere tra i ventenni….una mezza fregatura, insomma. Perchè il 29 – come tutti i numeri che finiscono per 9, va detto –  è il passaggio, come l’ultimo gradino che se lo prendi male inciampi e caschi, è quel numero incompleto, che ti tiene lontano dalla rotondità della cifra piena. Come agli esami: è universalmente noto che il 29 è un voto infame, che ti fa vedere il 30 da lontano ma non ti ci fa arrivare, e che a quel punto è sempre meglio un 28 pieno.

E’ la tensione verso un totale, verso una precisione che riesci ad intravedere ma non ti appartiene ancora, che mi ha particolarmente affascinato, perchè è la storia della vita di ogni uomo, questa continua sete di perfezione, di pienezza, che cerchi ma non raggiungi , questo aspirare ad tutto di cui sentirti completamente parte. Il cammino della vita è tutto in questo respiro, nel desiderio di pienezza che vive in ogni cuore, anche nel mio. Mi piacerebbe che questo blog fosse proprio il racconto di tante piccole tappe fatte di immagini, suoni,  incontri, e riflessioni che costruiscono il percorso di avvicinamento verso “il completo”. Vediamo come va, alla peggio appena compio 30 anni lo chiudo…o gli cambio nome.

PRONTI?

3….2….1…..VIA!!!!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...