Duc in altum

Caro il mio blog,

hai notato qualcosa di strano nelle ultime ore? Non ti sei accorto che tante persone hanno bussato alla nostra porta e ci sono venuti a trovare? Non guardarmi così: lo so che ti eri abituato a sonnecchiare tranquillo e sereno e che in un certo senso ti avevo fatto credere che sarebbe rimasta una cosa fra me e te. E invece no. Non ho tessuto le tue lodi a voce alta a destra e sinistra, dicendo che hai proprio un bel layout, che sei simpatico, o ancora che l’autore tuo socio in affari ti riempie proprio di belle parole. Stavo pensando di farlo ma Lui (sì, proprio Lui,  quello lì che ti ho descritto parlando del Migliore Amico) mi ha preceduto, e gli è bastato un sussurro per realizzare quello che io, con una trombetta da stadio, non sarei stata in grado di fare.

Ora un blogger navigato ed esperto farebbe finta di niente, pensando con nonchalance “l’avevo previsto, era tutto calcolato”, e continuando a scrivere come se nulla fosse; siccome  però nè io nè te siamo abili strateghi e calcolatori (vabbè, tu sì ma solo perché hai il contatore!)  ammettiamo che siamo stati colti di sorpresa, e che tutti i complimenti che abbiamo ricevuto ci hanno fatto arrossire e gongolare come uno dei sette nani, Gongolo per l’appunto. Quindi mi raccomando svegliati, rimettiti a posto, non fare che ti impalli, come è già successo qualche volta, e che mi cancelli i post….io  da parte mia ci metto l’impegno a correggere tutti gli errori di battitura, così da permettere ai poveri lettori di non impazzire per una h in più o per una s di meno, e poi ho già fatto il passo avanti di togliere la pinza dorata che indosso in casa mentre scrivo, per sostituirla con una più onesta mollettina reggi-frangetta…una botta di eleganza, insomma….Coraggio, andiamo!

Ho  scelto di rompere il ghiaccio così – cioè sorridendo, come faccio sempre quando sono positivamente imbarazzata – dopo questa ondata di entusiasmo che mi ha travolto. Per quanto riguarda l’emozione e lo stupore, ripeto quanto ho scritto poco sopra. Dopo aver “visto”  e “letto” tanti commenti belli, l’istinto mi porterebbe a piazzare il colpo ad effetto, cioè uno di quei post  belli densi  e corposi,  frutto delle mie preziose meningi e di lunghi studi, perché abbiate la conferma che sì, vale proprio la pena leggermi.

Ho scelto invece  di “buttarla in caciara”, come si dice dalle mie parti: riparto da dove mi sono fermata, cioè dal discorso sulla speranza e sulla fiducia nel Migliore Amico;  però punto più in alto e lascio la parola ad uno che di sicuro vale la pena ascoltare e leggere: Benedetto XVI. Nell’udienza del mercoledì, giusto ieri, ha descritto in maniera splendida e commuovente il rapporto di fiducia tra l’uomo e Dio, esprimendo con la delicatezza con cui un nonno parlerebbe al nipotino concetti di una profondità impressionante. L’ho letto e ho avuto la sensazione che fosse davvero il modo giusto per riprendere e completare il discorso, ma soprattutto che fosse una di quelle soste imperdibili che da trentamenouno ti fanno avvicinare a…. trenta (e ti fanno andare anche oltre).

Trovate il testo qui: http://www.vatican.va/holy_father/benedict_xvi/audiences/2011/documents/hf_ben-xvi_aud_20111005_it.html

Leggetelo, non sarà tempo perso, e sono sicura che se questo blog permette di condividere e diffondere una cosa potente come questa, allora anche tutti gli altri fiumi di parole avranno più senso.  Mentre scrivo penso a Benedetta, che oggi mi ha mandato un bellissimo messaggio su quanto è emozionante aspettare di vedere il cigno, anche se spesso ci accontentiamo della gallina, e a Cristiana, che mi ha segnalato questa meraviglia: lei non sa (ancora) dell’esistenza di questo blog, ma dei discorsi del Papa se ne intende e anche di poesia…e di fiducia. E io lo so bene.

Mi permetto solo di concludere copiando pari pari la parola con cui il Papa ha chiuso la catechesi, perché  meglio di così non potrei sintetizzare il senso di tanti pensieri: perciò… Grazie.

Annunci

5 thoughts on “Duc in altum

  1. Quello che più mi piace in questo articolo è il titolo “duc in altum” perchè è un bellissimo programma e lo condivido pienamente. Grazie. Andreina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...